vai ai contenuti
Home | Attività didattiche | Itinerari | Cos'è il sistema Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Risorse turistiche

Ricerca

 

 
 
 
 
:

Elementi correlati

Castellaro Lagusello, il borgo

Itinerario: Dal Garda al Po: una ciclovia tra arte e natura
Territori attraversati: Colline moreniche, Mantova, ... >>>

Tesori mantovani

Approfondimento: Tesori mantovani
Il patrimonio culturale della Diocesi di Mantova >>>

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432
Skype   Chiama con Skype

   @  info


HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Basilica Polironiana

RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana
Tipologia: Chiesa

La struttura della basilica, che possiamo ammirare oggi, rispecchia l’architettura fondamentale che disegnò il genio di Giulio Romano e che rappresenta il compendio dei momenti salienti della storia e delle civiltà polironiane. Tra il 1540 e il 1545 egli riedificò senza demolire le vecchie strutture romaniche e gotiche adottando soluzioni originali per far convivere diversi stili architettonici creando un interno raffinato ed omogeneo.

Romanici sono infatti il deambulatorio e le colonne murate, ma ancora visibili, nel presbiterio, mentre gotici sono il tiburio e le volte.

Antonio Begarelli, artista modenese che il Vasari definisce “il Michelangelo della terracotta”, realizza nel 1542 e nel 1559, 32 statue di santi che arredano le navate e ornano gli ingressi delle cappelle laterali.

La meravigliosa sacrestia è arredata dagli armadi intagliati, eseguiti tra il 1561 e il 1563, da Giovanni Maria Piantavigna.

Nell'ambiente posto tra il transetto e la sagrestia si trova la tomba di Matilde di Canossa, un sarcofago in alabastro sorretto da quattro leoncini di marmo rosso. Il corpo di Matilde non si trova più nel suo sepolcro dal 1633, quando fu trasferito nella Basilica di San Pietro a Roma.

All'interno della Basilica si trova anche l'Oratorio di Santa Maria databile tra la fine del XI secolo e la metà del XII secolo, risalente quindi ad un periodo antecedente alla morte della contessa Matilde, per poi essere adattato alla chiesa maggiore nel momento della sua riedificazione (1130), secondo lo schema dell’oratorio di Santa Maria di Cluny. Si pensa che qui sia stata originariamente sepolta la contessa Matilde, in un'urna interrata di fronte all'altare, in corrispondenza del grande mosaico con le quattro Virtù Cardinali.



Indirizzo: Piazza Teofilo Folengo, 19 - San Benedetto Po - Oltrepò
Telefono: 0376 615124 - 0376 623036 - Fax: 0376623021
E-mail: iat@oltrepomantovano.eu
Sito: www.comune.san-benedetto-po.mn.it - www.turismosanbenedettopo.it

Informazioni

Tipologia: Chiesa
 
 
Indirizzo: Piazza Teofilo Folengo, 19
Telefono: 0376 615124
Città: San Benedetto Po - Oltrepò

Multimedia

6189eb715f5ef0ddafd7f72d7d6eb3fb
San Benedetto Po, abbazia
San Benedetto Po, abbazia

Eventi correlati

festival classica2011

Festival Internazionale Classica 2011
Brisbane Concert Choir (Australia). Info:assciazione ... >>>

Mappa

Convenzione | Finalità | Azioni | Informazioni | Cookies Policy