vai ai contenuti
Home | Attività didattiche | Itinerari | Cos'è il sistema Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Itinerari

Ricerca

 

 
 
 
 
:

Elementi correlati

Mantova una provincia per tutti

Approfondimento: Mantova
una provincia per tutti

Pensare a una guida turistica che orienti le persone con ... >>>

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432
Skype   Chiama con Skype

   @  info


HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Tutti a tavola

prodotti enogastronomici tipici

Strano ma vero, la cucina mantovana è molto ricca e adatta ad ogni dieta. Per coloro a cui non difetta l’appetito, si consigliano gli agnoli serviti anche con brodo tinto dal vino Lambrusco, gli insaccati, i salami (a S. Benedetto cotto sotto la cenere), le salamelle, i ciccioli, gli stracotti, il gras pistà e il più leggero cappone alla Stefani il tutto accompagnato non dal pane, ma dalle fragranti schiacciatine.
I celiaci possono gustare i risotti che sono l’icona della gastronomia locale. Il più tipico è quello alla pilota il cui nome deriva dagli addetti alla pulitura e al confezionamento del riso. Da non perdere anche il risotto cucinato con la frittura di pesce minuto che è una delizia senza confronti. Per i vegetariani il menù può comprendere la zucca con la quale sono farciti i famosi tortelli con mostarda senapata e amaretti, conditi con burro e salvia o con il pomodoro nella zona di S. Benedetto Po. Nell’Alto Mantovano si possono mangiare i tortelli amari, con ripieno vegetale ed erba amara (balsamita major). Rimanendo tra i primi senza carne non si possono dimenticare i capunsèi: gnocchetti a forma di fuso fatti di pane grattugiato, salvia e formaggio. La cipolla, coltivata soprattutto nella zona del Basso Mantovano, accompagna le schiacciate che diventano tiròt. In tutta la provincia si trova il formaggio grana che è Parmigiano Reggiano a destra del Po e Grana Padano a sinistra. Il melone, la pera, l’anguria, qui sono veramente speciali. Per gli amanti del pesce la cucina mantovana offre il luccio in salsa con polenta e i saltarelli cioè minuscoli gamberetti d’acqua dolce e risaie. La pasticceria è varia e di interessante provenienza.
Il dolce tipico di Natale è l’Anello di Monaco, arrivato a Mantova alla fi ne del settecento, grazie a pasticcieri svizzeri e bavaresi che hanno introdotto pure l’Elvezia e i Caldi Dolci. La torta più conosciuta è la Sbrisolona con mandorle e farina gialla, ma la più originale è quella di tagliatelle che da primo è diventata un fi ne pasto. Da scoprire anche il sugolo cioè crema fatta con il mosto e la farina bianca o i biscotti Filos di Sabbioneta Questa è la patria del vino Lambrusco, che si può presentare evanescente o molto scuro, cioè diversifi cato dalle zone del Basso Mantovano o nella Sud-Ovest della provincia.
Nell’Alto Mantovano vasta è la gamma di vini rossi, bianchi, spumanti e passiti. 



Tutti a tavola
    - scarica il percorso -
    

Itinerari
RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana

Ora et Labora
"Montecassino del Nord", "Cluny lombarda": due modi per definire lo ...

Sabbioneta, la città del pensiero

Sabbioneta, gli argini circondariali
opera idraulica iniziata nel XII secolo

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

Eventi In primo piano

Convenzione | Finalità | Azioni | Informazioni | Cookies Policy